martedì 19 novembre 2019
03.12.2011 - Donatella Lauria

Ventimiglia, prosegue su Facebook la protesta contro il colore delle facciate

Il grido d'allarme lanciato dal social network dallo storico ventimigliese Giuseppe Palmero: "un patrimonio storico architettonico di grande prestigio come era Ventimiglia Alta sta subendo una trasformazione radicale che la porta ad assomigliare ad un anonimo borgo marinaro"

Continua su Facebook la protesta di alcuni cittadini in merito al colore delle facciate che stanno cambiando il volto del centro storico. Il dibattito è aperto dallo storico ventimigliese Giuseppe Palmero che commenta: "Ventimiglia gialla" ... sì perché oggi il colore dominante è il giallo. Un giallo tanto acceso quanto anonimo. Il grigio della pietra, che testimonia(va) l'impronta medievale di questa città, giorno dopo giorno, metro dopo metro cede sotto intonaci dai colori accesi. La netta prevalenza è del giallo, a cui segue un rosa "ligure" (nella sua duplice reinterpretazione postmoderna il cui esito porta inesorabilmente o al "rosa salmone" al "rosa pesca") ed infine il bianco (effetto "Magna Grecia"). Non è necessario entrare in Ventimiglia alta per rendersene conto, basta infatti guardarla da fuori. Dal ponte ad esempio e vi renderete conto di quello che dico. Un patrimonio storico architettonico di grande prestigio come era Ventimiglia Alta sta subendo una trasformazione radicale che la porta ad assomigliare ad un anonimo borgo marinaro. Avevamo una città medievale in grado di attrarre visitatori e studiosi, ora abbiamo un addensato urbano "effetto presepe", tendente al giallo. Perché si è voluta una soluzione del genere?

 (Fotografie di Marinella Gessi da Facebook)

 

Commenti

Nessun commento presente.
Accedi per scrivere un commento

 
Meteo