martedì 15 ottobre 2019
23.10.2012 - VALERIO GAMBACORTA

Vallecrosia: l'inglese Steven Way conquista la "50 km sul mare"

Brutta bestia l'ultramaratona...Ne sa qualcosa il podista dello Zimbabwe Kollen Makaza, recuperato dal forte podista di "Sua Maestà" (qui in una foto di repertorio) proprio negli ultimi km. Ottime prove per i ponentini Michele Chiefari e Andrea Anselmi, sul podio della gara assoluta maschile, vinta da Walter Sartor (ultima foto).

La gara di Kollen è stata devastante fino alla "maratona" (se così si può dire), ovvero fino al 42esimo km, lì il motore dell'africano, molto quotato alla vigilia per un potenziale record del mondo su di un percorso piatto e privo di asperità, è andato in panne...Pensare che dopo appena uno degli otto giri in programma (un anello di 6.200 da ripetere otto volte - da Largo Marinai d'Italia fino al "Piccolo Lido" in Bordighera) era già in vantaggio "siderale" sugli avversari tanto da far sbilanciare Maurizio Casonato, della Podij Rajnaldi società organizzatrice e direttore di gara, che guidava il gruppo in sella alla sua bicicletta da corsa: "Questo darà un giro a tutti!"

Dal 42esimo il lento ma costante recupero di Way, complice forse il caldo e l'aver bruciato tutto nella prima parte di gara.

Alla fine Steven Way concludeva la prova da vincitore in 2 h 53 minuti e 41 secondi, ben lontano dal record mondiale, secondo arrivava uno stravolto Kollen Makaza in 2 h 57 minuti e 49 secondi, terzo Paul Martelletti (Nuova Zelanda) in 2 h 58 minuti e 18 secondi.

La gara valeva come finale della Coppa del Mondo di Ultra Maratona (Iau 50 km World Trophy) e come gara assoluta master italiana.

In questa gara (partenza unica alle 10.00 di Sabato) vittoria per Walter Sartor con 3 h 23 minuti e 10 secondi (dodicesimo assoluto), secondo il ponentino Andrea Anselmi (Bergamo Runners) con 3 h 25 minuti 2 secondi, terzo Michele Chiefari della Pro San Pietro con 3 37 minuti e 35 secondi, che ha interpretato la gara anche in funzione della Maratona di Torino che correrà Domenica 18 Novembre.

Al via e rigorosamente all'arrivo anche Patrizia Negri della Ventimiglia Marathon, sospinta dal tifo casalingo di tanti amici e conoscenti, lei che ora è già in Tunisia ad acclimatarsi per la 100 km del Sahara che correrà tra il 26 e il 27 Ottobre. Per lei, Sabato, gara quasi sempre al fianco del politico imperiese Benedetto Adolfo, veterano del "Faudo" e qualche anno fa cimentatosi anche nella "Marathon des Sables".

La buona riuscita della manifestazione è dovuta alla grande vitalità organizzativa della Podij Rajnaldi, piccola società sportiva della Val Verbone (Perinaldo per la precisione) che con Maurizio Casonato ed Erika De Maria hanno cercato di far sì che questo "mondiale" del podismo ultra potesse beneficiare del maggior risalto mediatico.

Un plauso anche a Vallecrosia, al suo Sindaco Armando Biasi e all'Assessore Quesada per il supporto offerto alla Podij Rajnaldi.

Insomma, ora appuntamento all'anno prossimo e ...keep on running!

 

 

 

 

Commenti

Nessun commento presente.
Accedi per scrivere un commento

 
Meteo