lunedì 18 novembre 2019
16.10.2011 - Antonio Vanzillotta

Vigili del Fuoco nuovamente in piazza

Ieri a Roma i pompieri della USB scesi in piazza: “Perché la crisi se la paghino i soggetti che l’hanno prodotta!”

E’ dal mese di luglio che la USB (unione sindacale di base) scende in piazza per contrastare le finanziarie del Governo. E ieri 15 ottobre per le strade di Roma, per manifestare contro il Governo, c’era anche uno spezzone di Vigili del Fuoco della USB;  protestare… soprattutto contro il governo della finanza e delle banche europee che stanno strangolando qualsiasi possibilità di sopravvivenza per decine di milioni di lavoratori europei.

La USB sostiene che la BCE invece di intervenire positivamente sulle economie e sui debiti dei paesi europei, con Germania e Francia a fare da apripista, decidono di ri-finanziare le banche con 3.000 miliardi e continuare ad imporre sacrifici a intere popolazioni; sacrifici che non serviranno a rilanciare, e neanche a far sopravvivere, economie ormai moribonde e che, al contrario, faranno aumentare recessione, debiti nazionali, disoccupazione, precarietà e distruzione del welfare.

Questo sul piano generale; per quanto riguarda il Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco la situazione è ancora peggiore perché ancora pendono i debiti accumulati negli anni e i creditori dietro la porta rivendicano il pagamento delle forniture. Entro la fine dell’anno, oltre ai debiti non pagati, bisognerebbe restituire altri 80 MLN di euro per rimpinguare le casse delle banche, mentre nel prossimo anno altri tagli al ministero imporranno ulteriori riduzioni delle attività di soccorso.

 

 

 

 

Commenti

Nessun commento presente.
Accedi per scrivere un commento

 
Meteo