sabato 27 febbraio 2021
14.07.2012 - Donatella Lauria

Ventimiglia: nuove possibilità per il centro storico

Ventimiglia alta sta nascendo lentamente. Nascendo e non rinascendo perché non ha mai vissuto come meriterebbe. Ora ci sono tre bed & breakfast, un ristornate rinomato. Ma pur sempre insufficienti per poter dire che la zona sia turistica.

L’anno scorso la famiglia Maiuri ha messo in piedi “Casa Fenoglio”, un bed  & breakfast in via Garibaldi rinomato, particolare, elegante ed accogliente. Sta puntando tutto su questa attività e in pochi mesi registra il tutto esaurito. Un chiaro segno che c’è “fame” di strutture ricettive, soprattutto nel secondo centro storico più importante d’Italia. Ma qualcosa manca. Si necessita di promozione, di marketing,  per far conoscere i luoghi intemeli a chi arriva e si trova prima spaesato e poi sorpreso per le bellezze che trova nella zona. La ricetta per il vero trampolino di lancio va ben oltre. La titolare di Casa Fenoglio, Arianna Boeri, che può analizzare la situazione da addetta ai lavori, mette in campo alcune idee innovative.

“Abbiamo una realtà di grande spessore turistico. – Spiega -  Il nostro Bed & Breakfast in poco tempo sta registrando il tutto esaurito. Questo vuol dire che la gente, anche straniera, conosce Ventimiglia, ne è attratta e si ferma. Ma poi? Le informazioni sui luoghi da visitare le diamo noi. Non esiste un ufficio di promozione turistica in città, o meglio è aperto a singhiozzi. Alcuni ospiti sono rimasti entusiasti dalla bellezza del nostro entroterra. A Ventimiglia alta ci sono altri due bed & brekfast che lavorano molto bene ed un ristorante. Bisogna che in via Garibaldi e in tutto il centro storico  nascano piccole attività commerciali, di supporto alla nostra attività, che promuovano i nostri prodotti tipici, come avviene in Francia: con piccoli negozietti che espongano olio, e tipicità e che non abbiano costi esagerati d’affitto. E si potrebbe di conseguenza creare una sinergia tra tutte queste strutture. Bisogna che i commercianti aprano gli occhi e puntino sul borgo medievale. E’ un peccato avere le potenzialità per fare turismo e non sfruttarle quasi per nulla”. 


Commenti

Mauro Merlenghi il 15-07-12 07:06 ha scritto:
Tutto vero quello che hai scritto nell'articolo ma il tutto si scontra su quel "nascano " nuove attività, in un paese ingessato dalla burocrazia, dalle mille leggi e leggine nessuno è invogliato a tentare nuove strade.

Accedi per scrivere un commento

 
Meteo