mercoledì 11 dicembre 2019
08.12.2012 - Donatella Lauria

Treni sempre più "malati", grido d'allarme del consigliere regionale Scibilia

La linea ferroviaria Ventimiglia - Genova non gode di buona salute. Scibilia scrive a Burlando, rivolgendogli un accurato appello.

Sono numerosi i disagi che quotidianamente mettono in discussione il serivizio dei treni sulla tratta Ventimiglia - Genova. Ponenteoggi ha più di una volta affrontato l'argomento con inchieste e repotartage sul cattivo loro funzionamento. Scrive io consigliere regionale Sergio Scibilia.

"Ogni giorno ormai e' tema che fa discutere , a causa di cattivo funzionamento del sistema pubblico, della organizzazione, della vetusta'del materiale rotabile, dei continui ed insopportabili disagi delle persone , dei ritardi ingiustificati.
Ogni giorno e' cronaca che si ripete, i treni nel ponente ligure non funzionano e peggiorano sempre piu'.
Questa situazione e' ormai degenerata , incontrollata e sta diventando cronica.
Il pensiero che un territorio di frontiera come il nostro, una zona di importanti collegamenti internazionali con la Francia , con la Spagna, con la Svizzera, venga considerato come una piccola località dispersa in mezzo ai boschi, deve creare grossi imbarazzi e dubbi a tutti noi amministratori .
L idea che questo cattivo sistema pubblico possa incidere su un settore gia' in forte crisi e con grosse difficoltà , che possa creare ulteriori danni ad un ramo come il turismo, non può lasciarci indifferente.
Il sistema dei trasporti, dei collegamenti e' vitale per il turismo.
Non e' indifferente avere un territorio arretrato , disorganizzato , combinato male sotto l aspetto infrastrutturale. Questo segna un cattivo funzionamento dello Stato, crea grossi problemi di immagine e ferma ogni possibile progetto di sviluppo e di ripresa economica.
Questa mancanza di controlli sul funzionamento regolare del traffico ferroviario da parte di Trenitalia , società pubblica nata per gestire questo ramo statale, non aiuta gli imprenditori che si trovano soli ad affrontare disagi ai turisti, che non permette di poter raggiungere località oltre i 50 km, senza rischiare di rimanere a piedi o non tornare in albergo.
Questa arretratezza , questo abbandono non permette ai lavoratori di raggiungere il proprio posto di lavoro con regolarità e puntualità , di potere tornare a casa loro secondo quanto stabilito dagli orari pubblici.
Non esiste una volontà a voler affrontare e risolvere il problema, non esistono interlocutori affidabili pronti ad ascoltare e ad intervenire.
Il nostro Ponente ligure e' ormai come una nave che va alla deriva, per non interesse.
Rivolgo pertanto un forte appello al Presidente Burlando, che ben conosce queste terre e ha l autorevolezza , la capacita' di intervenire presso il Governo Nazionale, di occuparsi del sistema ferroviario che collega Ventimiglia con Genova, di farsi dare delle risposte e proposte da Trenitalia.
Bisogna rottamare le carrozze, le motrici vecchie e ormai non piu funzionanti !bisogna far viaggiare i treni in sicurezza, benessere e tranquillità. E' un dovere , un obbligo che non possiamo rinviare".

 

Commenti

Nessun commento presente.
Accedi per scrivere un commento

 
Meteo