giovedì 18 luglio 2019
06.10.2012 - VALERIO GAMBACORTA

Boris Briozzo: "Le mie note per il cinema"

Amore per la musica in tutte le sue varianti e declinazioni per il giovane compositore ponentino, ma soprattutto la voglia di "prestare" in futuro i propri suoni al Cinema, sulle tracce (glielo auguriamo) del grande compositore romano Ennio Morricone.

Ciao Boris, come e quando nasce il tuo amore per la musica?

Devi pensare che già ad otto anni "strimpellavo" il pianoforte, quindi le note musicali mi hanno sempre un po' accompagnato nella crescita. Da bambino a ragazzo. Poi mi sono diretto verso la composizione e lo studio di altri strumenti. Le note hanno un fascino tutto particolare..

Quali sono i tuoi generi preferiti?

Vado fiero del mio amore per la musica classica, una musica, a torto, considerata "vecchia". Credo che se opportunamente studiata e compresa sia tutt'ora una "fucina" di ispirazione per chi voglia avvicinarsi alla creazione musicale. In particolar modo il mio genere chiama alla fusione i suoni moderni con quelli più classici, in un ideale abbraccio tra presente e passato.

Ha senz’altro contribuito in tal senso alla mia ispirazione questo gruppo gallese, gli Hybrid. Pensa che loro fanno una musica eccezionale data dalla combinazione, appunto, delle armonie moderne e dei suoni suoni più "veloci" con fonemi classici e con ritmi quindi più "barocchi" e distesi, per così dire. Ovviamente, oltre all'amore per gli Hybrid, nutro la massima venerazione anche per quei musicisti che già avevano tentato simili e ardite sperimentazioni: Schaeffer, Stockhausen, Ligeti, Kurtag, per esempio. Ma gli stessi più recenti Radiohead, Coldplay, Steven Wilson e Sneaker Pimps hanno ecletticamente fatto loro, e con successo direi, queste forme di contaminazione tra antico e moderno. 

Anche tu componi musica però, Boris, e specificatamente musica elettronica. Hai anche già pubblicato cd. Insomma sei lanciatissimo. Un futuro nell'ambito di questo genere musicale?

Anche qui devo dire che la musica elettronica ti permette di spaziare e non restare vincolato a determinati "stilemi". Ti garantisce di fatto le maggiori possibilità creative.

Fantastico riuscire a miscelare i vari suoni, magari armonie e risonanze che non avresti normalmente mai accostato in un'unica composizione musicale.

In questo caso mi sono stati di grande aiuto i moderni software che permettono di creare, manipolare e organizzare una infinità di suoni digitali, a livelli prima impensabili. Il futuro dell’arte sonora scorre decisamente in questo alveo.

Quali saranno i tuoi obiettivi per il futuro nelle vesti di musicista?

L'amore per il Cinema mi spinge verso una nuova frontiera e sfida. Comporre per il grande schermo e per il mondo videoludico sarebbe il mio grande sogno. Ovviamente la mia attività di musicista e creatore di sonorità è appena agli albori; non ho idea di cosa mi riservi il futuro, l'importante per me è continuare a fare quello che ho sempre fatto, con passione e dedizione, se non altro perché mi piace e mi regala un certo appagamento intellettuale, nonché un gradevole senso di placidità psicofisica. Credo sia ciò che più conta.

Lasciamo Boris alle sue note, alle sue creazioni ed ai suoi studi in...Giurisprudenza.

Ecco alcuni "assaggi" della musica di Boris (al momento attivo sotto 2 nomi d’arte diversi):

- Boris Nechljudov: www.youtube.com/channel/UC9geF4tDQO9oykGL_d3yk7A/videos

- Aksyn Elek: www.youtube.com/user/AksynElek?feature=CAQQwR

- Musica da film: www.youtube.com/playlist?list=PL06F055DE0198B650

 - Musica Dance/Electro/IDM: www.youtube.com/playlist?list=PL5AB65A04067DBB7F&feature=plcp

 Buon ascolto!

E se volete fornire supporto all’artista, non dimenticate di mettere un like qui: www.facebook.com/nechljudov

 

 

 


Commenti

Nessun commento presente.
Accedi per scrivere un commento

 
Meteo