venerdì 26 aprile 2019
16.02.2013 - VALERIO GAMBACORTA

Università: anticipati a Luglio i test di ingresso alle facoltà a “numero chiuso”.

Ed è, ovviamente, protesta tra gli studenti: il rischio, infatti, è quello di passare in pochi giorni dalla maturità ai quiz che caratterizzano i test di ingresso all’Università.

Questo il senso della decisione presa dal Ministero della Pubblica Istruzione, nel tentativo di “europeizzare” gli standard delle nostre facoltà (quanto meno quelle a numero chiuso) anche nelle modalità e nella tempistica dei test di ingresso.

Colpisce come però i nostri studenti vengano catapultati dai libri delle scuole superiori in funzione maturità ai quiz di cultura generale - in cui vengono prospettate domande su materie mai affrontate e studiate - nel giro veramente di pochissimi giorni, senza alcuna opportunità di prepararsi veramente ai test d'ingresso perchè ancora mentalmente "carichi" del lavoro fatto per la maturità. O forse il segreto sarà proprio nella mente ancora "elastica" e non "rilassata" che normalmente caratterizza gli studenti freschi di maturità. Vedremo.

Il Ministero sostiene che il nuovo indirizzo permetterebbe, in caso di esito negativo della prova, di avere tutto il tempo per cambiare facoltà magari orientandosi su corsi di studi che non siano a numero chiuso o magari valutare la possibilità di muoversi verso altre Regioni.

Nel senso di questa nuova linea dettata dal Ministero hanno già dato il loro assenso tre storici indirizzi di studi come: Medicina, Veterinaria ed Architettura.


Commenti

Nessun commento presente.
Accedi per scrivere un commento

 
Meteo