martedì 24 novembre 2020
13.12.2012 - Donatella Lauria

Liceo Aprosio: una scuola che apre le porte alla globalizzazione

Tanti gli eventi e i progetti messi a punto dal liceo di Ventimiglia.

Un liceo attivo, dinamico e sempre al passo con i tempi nonostante il periodo di una crisi che si fa sentire soprattutto nelle aule della scuola italiana.

"Pur in un momento di ragionevole e motivata “agitazione” - spiega il professor Nanni Perotto - che attraversa il mondo della Scuola per la costante penalizzazione cui è sottoposta, il Liceo “Aprosio” ha comunque mantenuto aperte alcune finestre per consentire lo svolgimenti di attività che sono state ritenute degne di nota nella logica di un servizio di qualità agli alunni.

 Partiamo dal proficuo incontro con il gesuita p. Giovanni La Manna, presidente del Centro Astalli di Roma : su proposta della Caritas di Ventimiglia Sanremo e con la collaborazione del prof. Palmero, gli studenti delle classi dell'ultimo anno del Liceo Classico hanno potuto ascoltare un'attenta analisi sul tema dell'immigrazione dalla viva voce di chi da anni si occupa di migranti e di rifugiati. Due ore di ascolto, confronto, dibattito attraverso dati che hanno avuto l'obiettivo di aumentare negli alunni la consapevolezza riguardo a questi fenomeni, con un approccio ricco di dati che consentissero di andare al di là di percezioni puramente emotive. Un approfondimento importante per chi si sta preparando all'Esame di Stato, ma anche un momento che si inserisce nel solco del percorso di Cittadinanza e Costituzione che accompagna gli alunni nel loro corso di studi.

L'Istituto ha salutato le tre studentesse della classe Quinta Esabac (Anina Gertsch, Sara Costato e Deborah Cooper)  ritornate dal Messico, (foto) dalla Fiera Internazionale delle Scienze e Tecnologie per i giovani scienziati. “Bioluminescenza: sulla via verso l’illuminazione” è il titolo del progetto che le ha portate ad arrivare ventisettesime al concorso italiano indetto dalla F.A.S.T.  e ha dato loro il passaporto per  partecipare ad un’esposizione a Puebla.

Hanno vissuto un’esperienza unica ed indimenticabile in un Expo che riuniva più di 1500 ragazzi provenienti da ben 59 paesi di tutto il mondo; esperimenti, natura, scienza ,energia, innovazioni e molto altro, questi ragazzi erano   uniti dal filo conduttore del metodo scientifico e dell’amore verso la scienza superando ogni  barriera linguistica e culturale.

La loro scoperta innovativa? Batteri immersi in acqua di mare come fonte di luce e design nelle abitazioni! “una grande soddisfazione vedere come le alunne raggiungono l'autonomia progettuale ed espositiva semplicemente incoraggiate” commenta la loro professoressa di scienze, Roberta Roggeri che oltre ad averle seguite e consigliate durante l’ideazione del  progetto le ha accompagnate in Messico per presentarlo.

Probabilmente l'arricchimento più prezioso di questa esperienza è stata proprio la possibilità di interagire ed esporre le loro idee a ragazzi, scienziati e professori di tutto il mondo.

Senza dimenticare la presentazione in tutte le lingue, da  quelle imparate a scuola allo spagnolo: inventato per l’occasione con ottimi risultati!

Rimarranno impressi in loro ricordi bellissimi, nuove conoscenze e nuovi stimoli a continuare sempre per la strada che più piace perché le soddisfazioni arrivano da dove si crea e lavora divertendosi.

 Mentre è ancora viva l'esperienza delle alunne che sono rientrate dal Messico, il Liceo sta organizzando in collaborazione con l'Università di Genova e i Giardini Hanbury un progetto che vedrà coinvolti una trentina di alunni, coordinati dalla professoressa Roggeri, con l'obiettivo di un approccio scientifico e operativo alla botanica. I ragazzi realizzeranno una chiave analitica di riconoscimento delle piante, raccoglieranno piante da cui estrarranno poi a scuola una sostanza che respinge gli insetti e agrumi da cui ricavare un'essenza. Un approccio pratico di alto valore scientifico cui l'Università di Genova ha dato il suo supporto fornendo i ricercatori e i Giardini Hanbury offrendo ai ragazzi gli ingressi gratuiti alla struttura.

 Riguarda sempre la scienza e ad alti livelli la ricerca svolta dall'ASL1, Struttura Complessa di Psicologia in collaborazione con il Dipartimento di Neuroscienze dell'università di Parma. Si tratta di uno studio che indaga il ruolo dell'età sulla tendenza a reagire con espressioni facciali quando si osserva un volto che esprime un'emozione. La dottoressa Francesca Martini e la dottoressa Martina Ardizzi, nell'ambito dell'ormai collaudato progetto di Peer Education (Educazione fra pari) presente al Liceo da alcuni anni, hanno sottoposto alcuni volontari a una sessione sperimentale che prima ha registrato i parametri fisici di fronte alle immagini di filmati loro proposti e poi ha chiesto agli stessi un giudizio di riconoscimento emotivo rispetto alle stesse immagini. Le volontarie hanno mostrato interesse e curiosità verso questo tipo di progetto. Un modo di essere disponibili nei confronti della ricerca scientifica ed affacciarsi a un mondo ricco di stimoli e perchè no, di orizzonti di orientamento futuro.

 Da ultimo ma non meno importante l'internazionalizzazione. In attesa di una risposta relativa all'apertura il prossimo anno di un corso di Liceo Linguistico e facendo tesoro dell'esperienza delle nostre ragazze “messicane”, il nostro Istituto sta proponendo alcune esperienze di “Intercultura”: mentre alcuni nostri alunni stanno svolgendo un anno all'estero (dal Regno Unito all'Australia fino addirittura alla Groenlandia!) abbiamo da alcuni giorni accolto due ragazze provenienti dall'Australia e dalla.... Malesia! Quando si dice globalizzazione!!!

 Tutto questo nella logica di un'apertura all'esterno, di un allargamento degli orizzonti da una prospettiva apparentemente periferica come quella del nostro territorio. In un momento di crisi che attraversa il mondo della scuola (significato anche dalle espressioni di protesta adottate dai docenti del Liceo) e dell'Università, ci è sembrato importante offrire queste prospettive ai nostri alunni e a quelli che verranno, nell'ottica di un servizio al territorio".

 

 


Commenti

Nessun commento presente.
Accedi per scrivere un commento

 
Meteo