venerdì 26 aprile 2019
23.06.2012 - Donatella Lauria

Ventimiglia: Giovanni Ballestra crea "L'albero delle idee"

Una nuova associazione apolitica per risvegliare gli animi dei ventimigliesi e farli partecipare alla vita cittadina per il bene comune con proposte e nuove idee.

Risvegliare le coscienze e il senso civico, mettere a disposizione della collettività e del bene comune le proprie intelligenze. Sembrano i punti salienti di un programma elettorale ed invece è il motto di una nascitura associazione che si pone l’obiettivo di coinvolgere i cittadini alla vita della città, rispecchiando i canoni della vera definizione di politica, secondo gli antichi greci ed in particolare la scuola filosofica di Platone. Il promotore è Giovanni Ballestra, attuale assessore provinciale, ex vicesindaco  e consigliere comunale della passata amministrazione. Il primo che lasciò l’assise ventimigliese, l’11 giugno 2011, abbandonando i tavoli di maggioranza per divergenze caratteriali con l’ex sindaco Scullino. “Le idee messe a disposizione di tutti come bene collettivo”. E se Platone faceva delle idee i punti salienti del suo pensare, anche Ballestra punta ad un’ azione  di risveglio degli animi dopo periodi di stallo. “L’albero delle idee” sarà un gruppo aperto a tutti e si svilupperà in rete.

“Con questa iniziativa – spiega Ballestra - vorrei risvegliare la coscienza civile dei cittadini. Questa città ha enormi potenzialità: le spiagge più belle della Liguria, tante aree dismesse da sfruttare, bellezze storiche. E dobbiamo scommettere su tutto questo, sul nostro patrimonio storico, naturale e artistico. Il nostro obiettivo è quello di mettere a servizio della collettività le nostre intelligenze con proposte nuove che saranno poi discusse, presentate ai governatori e valutate. Stiamo vivendo in un momento in cui si pensa alle istituzioni come nemiche. Non è così. La politica si deve fare con il cervello e con il cuore. Oggi si usa solo il primo. Bisogna dare una regolata al cuore e fare funzionare il cervello per governare con rettitudine. Questo populismo dilagante contro tutti sta distruggendo. Pensare che il “vecchio” sia tutto da buttare via è sbagliato. Ma come si seleziona il nuovo? Premiando le idee che fanno la differenza. Quindi raccoglierle e metterle al servizio di tutti. Una sorta di democrazia partecipata. Io punterei  dunque sul risveglio civico della gente”.

Cosa pensi che possa in primo luogo migliorare la città? “Incrementare i parcheggi. Ad esempio recuperare 1000 posti auto nell’area ferroviaria di San Secondo. Ventimiglia è una città gradita ai francesi ma poco frequentata dagli italiani per carenza di posti auto.”

Questa iniziativa rappresenta un pre lista per le prossime elezioni amministrative? “E’ un’iniziativa che non ha un colore politico ma è aperta a tutti. Entro breve avremo un sito internet attraverso il quale tutti e ribadisco chiunque può interagire e proporre. Qui al centro c’è il bene della città e non il bene personale o l’interesse politico. Noi abbiamo voglia di fare qualcosa perché Ventimiglia riviva”.


Commenti

Nessun commento presente.
Accedi per scrivere un commento

 
Meteo