sabato 16 gennaio 2021
19.01.2012 - REDAZIONE

Regione: libri di testo elettronici. Proposta del Pdl

I Consiglieri regionali del Pdl Roberta Gasco, Gino Garibaldi e Marco Scajola l’anno scorso si erano fatti promotori di una proposta di legge per consentire l’adozione, nelle scuole liguri, di libri di testo elettronici.

I rappresentanti del centro destra spiegano: “siamo soddisfatti perché questa mattina è iniziato l’iter sull’analisi del testo nella Commissione ristretta durante la quale lo stesso assessore competente Rossetti ha dichiarato che grazie alla nostra proposta la Regione Liguria ha iniziato a prendere contatti con il Ministero dell’Istruzione per organizzare un incontro proprio su questa questione”.

Gasco, Garibaldi e Scajola chiariscono: “partendo da una piattaforma informatica predisposta dalla Regione,  con la “tavoletta” si potrebbe consentire ai ragazzi di viaggiare con zaini più leggeri, ridotti ad una cartelletta, di traguardare standard di modernità al passo con i paese europei più all’avanguardia e soprattutto assicurare alle famiglie, che già devono confrontarsi con la crisi, minori spese”.

I  Consiglieri regionali del Pdl ci tengono però a far sapere che il testo di legge è stato perfezionato con l’aggiunta di alcuni emendamenti: “per quanto riguarda la fornitura di lettori di libri elettronici, le modifiche da noi introdotte prevedono che la Regione conceda agli alunni in comodato d’uso i lettori stessi. Per la Scuola dell’obbligo la fornitura è prevista al posto dei normali libri di testo, solo una volta nella carriera scolastica dell’alunno. Mentre per quanto concerne le Scuole Secondarie la Regione potrebbe promuovere, attraverso gare o altri tipi di intese, accordi per far sì che lo studente che lo voglia possa, risparmiando anche sui costi,  scegliere se optare per l’acquisto dell’ebook”.

I tre esponenti del Popolo della Libertà concludono: “in questo modo si potrebbe innanzitutto provvedere al contenimento dei costi per i libri di testo, che incidono notevolmente sui bilanci delle famiglie e nello stesso tempo garantire la diffusione di una “cultura tecnologica” sia tra i ragazzi che nelle famiglie stesse. Infatti nell’ottica di una crescente informatizzazione del rapporto tra cittadini, imprese e pubbliche amministrazioni, la diffusione degli eBook, che appunto implicano l’uso di un computer e di internet, tra gli studenti e le loro famiglie può avere effetti doppiamente positivi”.

 


Commenti

Nessun commento presente.
Accedi per scrivere un commento

 
Meteo