mercoledì 20 novembre 2019
08.12.2011 - REDAZIONE

Regione: il Pd auspica un nuovo impegno per il welfare

Giancarlo Manti, portavoce in Regione del Partito Democratico, auspica un forte impegno del governo Monti a favore del terzo settore, oggetto di pesanti tagli da parte del precedente governo Berlusconi

E’ necessario che il nuovo Governo nazionale abroghi la legge delega che sancisce un disimpegno dello Stato sul terzo settore e affida di fatto il welfare solo al terzo settore e alle associazioni caritatevoli: per il Gruppo del Partito Democratico tutto ciò è assolutamente inaccettabile”. Lo ha detto Giancarlo Manti, Consigliere Regionale del PD e referente per le politiche sociali, durante l’incontro con i rappresentanti del Forum Regionale del terzo settore (assistenza a disabili, anziani, minori in difficoltà) avvenuto questa mattina.

Il settore, come hanno spiegato i rappresentanti sindacali della categoria, dà lavoro a circa 12.000 persone in Liguria. I posti di lavoro a rischio, a causa dei tagli governativi, sono circa 7-800. Il Governo nazionale, come ha ribadito nel suo intervento l’Assessore alle Politiche Sociali Lorena Rambaudi, ha azzerato tutte le voci di bilancio che riguardano il sociale, mettendo in discussione sia l’assistenza alle famiglie in difficoltà sia l’occupazione. Sono interessati dai tagli circa 25.000 cittadini nella sola Genova e 40.000 in Liguria.

“Come gruppo del Partito Democratico – ha sottolineato il Consigliere Manti – riteniamo che questi tagli non siano dovuti a un semplice errore di valutazione del Governo Berlusconi, ma ad un preciso disegno di smantellamento del sistema pubblico del welfare. Con la legge delega si ritorna indietro di cent’anni, ad un welfare basato sull’assistenza caritatevole. Noi riteniamo invece che questo settore non sia un costo, ma un investimento indispensabile”.

Alla ripresa dei lavori, il Consiglio ha poi approvato all’unanimità un ordine del giorno (proposto dallo stesso Manti del PD e da Matteo Rossi di Sel) che impegna la Giunta Regionale a intervenire presso il Governo perché vengano reperite le risorse per ristabilire il Fondo Sociale Nazionale, perché venga ritirata la delega sulla riforma del fisco e dell’assistenza, perché vengano finanziati i servizi alla persona anche attraverso il recupero di risorse con la lotta all’evasione fiscale. L’ordine del giorno prevede anche la costituzione di un tavolo regionale con il coinvolgimento degli Enti Locali, del Forum ligure del Terzo Settore e delle Organizzazioni Sindacali per “definire politiche atte a limitare le conseguenze dei tagli ai bilanci sociali, sostenendo il consolidamento della rete dei servizi sociali e socio sanitari”.


Commenti

Nessun commento presente.
Accedi per scrivere un commento

 
Meteo