venerdì 19 luglio 2019
21.01.2012 - A.Giacobbe

Stangata: A10, la strada "lastricata" d'oro

Ci risiamo. Appena appare un provvedimento finanziario nazionale, si aumentano i pedaggi autostradali. Poco male per quanto riguarda la gran parte delle autostrade d'Italia, considerando anche il fatto che dovrebbe essere incentivata una mobilità in parte diversa. Peccato che i servizi ferroviari in Liguria siano sempre meno facili, anzi, largamente penalizzati. L'isolamento del Ponente ligure è ormai quello di un'isola e poco possono anche le voci che si levano da Monaco e dai centri turistici più vicini perché la ricaduta di questo blocco di comunicazione ricade a pioggia. L'aumento delle tariffe della Ventimiglia-Savona, vvero della celebrata (ai tempi) “Autostrada dei Fiori” ha dell'incredibile. Se già in un recente passato un ricorso al TAR aveva bloccato gli aumenti, ora non ci sono più abili e si recupera il recuperabile. E per cosa ? Per una azienda che in fondo ha due meriti principali: la partecipazione alla costruzione delle strade di scorrimento veloce (cosiddette Aurelia bis) con la loro periodica manutenzione e il fatto di essere ammortizzatore sociale, con le assunzioni di personale. Amen. Per il resto, data la mancanza di vie di fuga o terza corsia, il vento che la rende pericolosa in molte occasioni e la presenza massiccia di mezzi di grande portata è sicuramente una camionabile e non una autostrada. Una via di comunicazione in ogni caso un po' più rapida dell'Aurelia SS1 (i Francesi, ricordo, hanno tre “corniches” e una autostrada e le prime tre esistevano già prima della seconda guerra mondiale). L'Aurelia attraversa centri trafficati, ci sono semafori, pedoni e saltimbanchi, il nodo dell'attraversamento di città come San Remo dove spesso si procede a passo d'uomo e che di fatto sono cesure nella vita urbanistica provinciale. Allora l'autostrada potrebbe diventare uno sfogo alla viabilità, ma a questi prezzi, come è possibile ? Non è poi lontano il momento in cui qualcuno ha messo in visibilità l'obsolescenza (vecchiaia) di molte strutture della nostra autostrada, la quale pure vive di tante manutenzioni. E sappiamo con quanta riluttanza la stessa Autorità che la presiede concede un eventuale passaggio gratis da casello a casello quando magari una grande manifestazione blocca un centro abitato. Siamo ai limiti della class action, signori, per aumento che questo cda deve giustificare, anche se lo farà allo stesso modo: abbiamo viadotti, gallerie... e forse le altre autostrade non le hanno, almeno in Liguria. Ho sempre pensato che questa strada dovrebbe essere lastricata d'oro, che ci sia stato, in altri tempi, il margine per una terza corsia e tante altre belle cose. Ora non mi resta che pensare all'opposizione e ad una sacrosanta richiesta: almeno le tariffe agevolate per i residenti in Provincia. Un modo, un sistema, si trova o si vuole spennare quelle stesse generazioni che hanno sperato in quest'opera pubblica e in fondo un po' la amano, se non altro per gli squarci paesaggistici privilegiati che apre. Anche turisticamente, in fondo è un valore, ma perché dobbiamo ancora e sempre pagare noi utenti dei pochi caselli locali ?


Commenti

Nessun commento presente.
Accedi per scrivere un commento

 
Meteo