martedì 25 giugno 2019
19.04.2012 - Donatella Lauria

Ventimiglia, picchia a sangue la compagna durante la cena, arrestato dai carabinieri

Ancora un atto drammatico di violenza domestica nella città di confine.

I Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Ventimiglia con la collaborazione dei colleghi della stazione di Ventimiglia Alta, questa notte hanno tratto in arresto NEIRA CHAVEZ Mario Claudio, 42enne ecuadoregno, residente in Ventimiglia frazione Varase, bracciante agricolo, con l’accusa di tentato omicidio nei confronti della sua compagna connazionale.

Verso le ore 22.00 circa di ieri, i militari della Compagnia di Ventimiglia venivano informati dai colleghi di Bordighera, dell’arrivo al Pronto Soccorso di una donna con una pericolosa lesione da taglio al collo, cagionata a seguito di una lite con un connazionale. La vittima, con una profonda ferita lacero contusa che ha sfiorato la giugulare destra, ha poi riferito di essere stata colpita dal suo compagno all’interno della propria abitazione in centro a Ventimiglia, nel corso di una cena alla quale erano presenti anche i figli di lei di 16 e 17 anni ed il figlio dell’aggressore di 19anni.

La lite, scaturita per futili motivi, ma soprattutto per l’abuso di bevande alcooliche da parte dell’uomo, è sfociata in un raptus durante il quale NEIRA, dopo aver infranto una bottiglia di vetro, stringeva  al collo la donna, cagionandone la profonda lesione.

Subito soccorsa e trasportata presso l’Ospedale di Bordighera, la donna è stata medicata con 7 punti di sutura e dimessa con una prognosi di 2 giorni.

L’uomo è stato rintracciato e tratto in arresto solo dopo circa due ore di ricerche da parte di numerose pattuglie della Compagnia  di Ventimiglia distribuite sul territorio, lungo la strada non lontano dalla frazione Varase dove abita.

Dopo le formalità di rito, l'ecuadoregno è stato trasferito presso la casa circondariale di Sanremo .

 

Commenti

Nessun commento presente.
Accedi per scrivere un commento

 
Meteo