sabato 20 luglio 2019
05.05.2012 - VALERIO GAMBACORTA

Truffa immobiliare: a giudizio noto imprenditore ventimigliese

Walter Agnesini è comparso ieri avanti al Giudice monocratico del Tribunale di Sanremo (sezione distaccata di Ventimiglia) per rispondere del reato di truffa (immobiliare) a danno di una signora di Torino.

La vittima R. Emanuela di Torino ha raccontato come all'inizio del 2006 con l'intenzione di avere un "punto d'appoggio" a Ponente od in Costa Azzurra avesse preso contatti con i delegati dell'immobiliarista ventimigliese: "Attraverso una mia amica avvicinai l'imputato per poter acquistare un appartamento in quel di Nizza. Il costo dell'operazione si aggirava sugli 80.000,00 Euro. Versai al sig. Agnesini una prima "tranche" di pagamento pari ad Euro 40.000,00. Successivamente staccai per lui quattro assegni da 10.000,00 Euro l'uno. Purtroppo mi venne poi comunicato che il vecchio proprietario aveva cambiato idea non essendo più interessato alla vendita. Chiesi la restituzione di quanto versato ma, dopo una serie di "tira e molla" riuscii a riottenere solo Euro 10.000,00. Per fortuna riuscii a far firmare all'Agnesini una scrittura privata in cui si impegnava, nei mesi successivi, a rifondermi tutto il danaro. Cosa però ad oggi non avvenuta".

Proprio su questo punto il procedimento si "arenava".

Il giudice dottor P. Luppi, infatti, non riteneva presenti gli elementi della truffa da Codice Penale e mandava assolto l'imputato "perchè il fatto non sussisteva" (difettando gli artifizi e raggiri tipici della condotta di truffa), invitando la signora, al fine di ottenere giustizia, di rivolgersi alle sedi civili (per ottenere, se del caso, un risarcimento danni per il mancato rispetto dell'impegno preso in scrittura privata da parte dell'imputato).

L'imputato presente in aula era difeso dall'Avvocato Andrea Rovere del foro di Sanremo.

 


Commenti

Nessun commento presente.
Accedi per scrivere un commento

 
Meteo