mercoledì 11 dicembre 2019
24.04.2012 - Donatella Lauria

Rapinavano banche e gioiellerie anche in Liguria, sgominata "gang"

La band era composta da insospettabili agenti immobiliari piemontesi, che agivano come basisti, e da due latitanti campani, padre e figlio.

 I carabinieri del Nucleo Investigativo del comando di Savona hanno sgominato un'organizzazione considerata "pericolosa" dedita a rapine a banche e gioiellerie.

I colpi sono stati messi a segno, sia in Liguria che in Piemonte ed Emilia Romagna.

I rapinatori agivano con mitragliette e pistole. Si mettevano in bocca e nel naso tamponi di ovatta per alterare i tratti somatici.

L'organizzazione era composta da due latitanti campani, padre e figlio, (il primo arrestato a Napoli ed il secondo a Rimini), e da una coppia di insospettabili agenti immobiliari piemontesi che facevano da basisti.

Nelle abitazioni perquisite, i carabinieri hanno rinvenuto parte dei gioielli rubati e le armi da guerra complete di munizionamento utilizzate nelle rapine, oltre a parrucche e fascette utilizzate per immobilizzare le vittime.

(Fonte: Agenzia di tampa ligure)


Commenti

Nessun commento presente.
Accedi per scrivere un commento

 
Meteo