mercoledì 12 agosto 2020
24.12.2011 - VALERIO GAMBACORTA

Ventimiglia: area abbandonata a pochi chilometri dal centro.

Proprio all’inizio di Roverino (la frazione più popolosa di Ventimiglia con i suoi 4.000 abitanti), in Via Tenda lato fiume, ci si imbatte in un’area “lunare” ed in totale abbandono.

Chi scrive ricorda come fino a qualche anno fa (circa quattro) questa vasta area, collocata sul lungo Roya quasi sotto il cavalcavia costruito vent’anni orsono per bypassare la ferrovia, fosse un via vai di anziani e bambini che animavano una bocciofila che fungeva da punto di aggregazione per la comunità locale e non solo.

I Sabato pomeriggio e le Domeniche mattina erano l’occasione per sfide all’ultima boccia tra i vecchietti della zona…

Ora che rimane? Le foto parlano chiaro…

Quattro anni fa le ruspe del Comune hanno demolito le strutture della Bocciofila.

Il vecchio padrone aveva deciso di traslocare dall’altra parte del fiume, economicamente più redditizia e la struttura via via più fatiscente stava dando ricovero ad un numero sempre maggiore di sbandati.

Indi la demolizione.  All’orizzonte si prospettava la riconversione dell’area in una sorta di zona “verde” dove collocare un parco giochi per i bambini.

A tutt’oggi rimangono erbacce, travi arrugginite, deiezioni canine, e proprio dietro il parcheggio prospiciente la chiesa di Sant’Antonio una piccola area (che ahimè si sta allargando sempre più..) a fungere da discarica (è tutto un fiorire di plastica e sedie di legno abbandonate) (foto 1).

Senza dubbio i “piani di bacino” che impediscono di creare parking o aree verdi immediatamente a ridosso di un fiume hanno stoppato il progetto area verde…

Ma perché non si è dato seguito ad una vecchia proposta di creare degli argini alla zona come fatto sulla sponda opposta?

Perché non intervenire anche solo saltuariamente per una bonifica della zona (foto 2)? I recenti eventi alluvionali non insegnano nulla? Forse che si debba attendere un “effetto tappo” del Roya ed una sua successiva esondazione perché Cassandre nostrane inascoltate dicano:.. “ve l’avevo detto!”?

Camminando, si ha la sensazione di attraversare un’area abbandonata a sé stessa, una sorta di “non luogo” in cui  una “traversa” in cemento pare adagiata a delimitare la zona medesima…(foto 3).

 

 

Commenti

Nessun commento presente.
Accedi per scrivere un commento

 
Meteo