giovedì 18 luglio 2019
31.10.2011 - Antonio Vanzillotta

Sanremo: intervista al presidente Leo Stefano Scalarandis

"Nel mio club c'è molta voglia di lavorare, attualmente siamo meno di venti soci ma presto amplieremo le fila. Il Leo è un'occasione di crescita personale irripetibile, dove c'è la concreta possibilità di aiutare chi è meno fortunato di noi"

"E' un cognome che racchiude 50 anni di attività lionistica matuziana e non solo, un'età anagrafica (22 anni) che comprende tante belle speranze. Stiamo parlando di Stefano Scalarandis presidente del Leo club Sanremo e nipote e figlio d'arte, visto che suo nonno, il compianto Sandro, è stato per quasi mezzo secolo l'anima del Lions Club Sanremo Host e il papà Eugenio per due mandati presidente del Leo sanremese e attuale socio lions.

Al giovane Scalarandis abbiamo posto alcune domande su quali progetti siano in cantiere in quest'anno di presidenza e ci ha detto: "L'impegno per questo anno sociale è indirizzato verso il continente africano, è attivo il progetto Leo denominato 'Tutti a scuola in Burkina Faso' nel quale 15mila scolari dell'ex Alto Volta, beneficeranno di scuole e pozzi". E aggiunge: "Stiamo prendendo contatti con l'associazione Sainte Croix, è nostra idea organizzare una serata in cui si discuterà dei progetti dell'associazione per l'Africa e poi adottare a distanza tre bambini".

Non solo Africa nella gestione Scalarandis ma anche un impegno attivo nella nostra città, con l'attuazione di service come ad esempio, "la volontà di donare al canile municipale di Sanremo due cucce e fare una colletta alimentare per i nostri amici a quattro zampe. Inoltre sono allo studio due progetti con l'associazione Matteo Bolla di Arma, dove organizzeremo un torneo di calcetto e una gara di go kart e infine una 'cena al buio' con la collaborazione dell'associazione italiana ciechi".

Per ultimi ma non per questo meno importanti, i service targati Leo che verranno svolti dai leoncini sanremesi come la consueta vendita di pandorini per il Tema operativo Nazionale in cui si finanzieranno tutte le possibili attività di ricerca necessarie allo sviluppo di sensori avanzati per la caratterizzazione delle specie chimiche del mercurio presenti in atmosfera, in grado di fornire dati osservativi di alta qualità a basso fabbisogno energetico o per il Tema Operativo Distrettuale, la vendita di bottiglie di vino il cui ricavato andrà a sostenere altri importanti progetti benefici.

 


Commenti

Nessun commento presente.
Accedi per scrivere un commento

 
Meteo