martedì 15 ottobre 2019
16.10.2011 - Antonio Vanzillotta

Ponente, avvistata una strana specie di lucertola

E' un animale estremamente schivo, difficilissimo da osservare, poiché fugge al minimo segnale di pericolo. Nonostante la mole si rivela un animale agilissimo e velocissimo, e talvolta si può dedurre la presenza della lucertola ocellata solo dal notevole chiasso che essa causa nello spostarsi al suolo

Si chiama Marco Vanetta, ed è uno studente in vacanza nel ponente ligure, che passeggiando nelle colline di Pompeiana ha avvistato questa grossa lucertola. E’ un’animale velocissimo racconta Marco, infatti appena ha avvistato una presenza estranea l’animale si è nascosto tra i sassi facendo perdere immediatamente le sue tracce. La lucertola ocellata (Timon lepidus) è il più grande Sauro della fauna italiana e rappresenta per la Liguria una specie di interesse bio-geografico in quanto, diffusa nella Penisola Iberica e nella Francia meridionale, ha come zona di diffusione italiana soltanto la Liguria occidentale, testimonianza di antichi collegamenti continentali tra il Nord-Africa, la Penisola Iberica, la Francia meridionale e la Liguria attraverso lo Stretto di Gibilterra.

Attualmente la specie sembra distribuita fino al Finalese (particolarmente nell’Altopiano delle Manie), ma dati museali e bibliografici dell’800 testimoniano la sua passata presenza anche nella Liguria di Levante, nello Spezzino e sul Monte di Portofino da dove proveniva un esemplare del 1868 conservato presso il Museo di Storia Naturale “G.Doria” di Genova. La specie è poco conosciuta dai locali ed è spesso scambiata con il ramarro. A Pompeiana le persone, soprattutto anziane, hanno sottolineato come alcuni la conoscano per averla avvistata in campagna in ore del giorno in cui, essendo appena uscito dalla tana, l’animale è freddo e poco reattivo.

Nel ponente ligure il nome dialettale della specie è “Lagoeu” (la presenza per una specie di un termine dialettale è importante perché ne implica la conoscenza e quindi indirettamente anche la diffusione).  I maschi raggiungono generalmente i 60 cm di lunghezza, ma si conoscono dimensioni anche superiori; la livrea dei maschi adulti è di color verde erba con ocellature blu ai lati del corpo, da cui il nome volgare della specie. I giovani hanno un aspetto meno appariscente, più piccoli e brunastri con macchie circolari orlate di nero, brune sul dorso e celesti sui fianchi. A causa delle grandi difficoltà negli avvistamenti esistono pochi studi sulla specie, sia sull’ecologia che sul comportamento, e gli stessi dati di presenza non sono organici, in quanto molte volte l’avvistamento, anche se compiuto da persona esperta,  è troppo fugace per poter essere considerato certo.

E’ bene precisare che i Rettili hanno una capacità di diffusione e spostamento piuttosto limitata per cui l’osservazione anche di un solo individuo in una determinata zona implica l’esistenza di una popolazione residente, anche se piccola. In Liguria la lucertola ocellata è protetta dalla L.R. 22 Gennaio 1992 n.4 “Tutela della fauna minore” ed è compresa tra le specie “particolarmente protette” di cui all’Art.11 per la cui cattura e disturbo sono previste anche sanzioni.

 

Descrizione tratta da:

PrauGrande (http://www.praugrande.org/sic/fauna/lucertola_ocellata.html )

 

Commenti

Nessun commento presente.
Accedi per scrivere un commento

 
Meteo